Massimilla Doni di Honoré de Balzac

E a proposito del Mosè in Egitto (di cui ho già parlato qui e qui) non giunge inopportuna la segnalazione di un celebre racconto breve di Honoré de Balzac, in cui il grande autore francese compie (nel III Capitolo) un’appassionata esegesi di questo celebre capolavoro. Massimilla Doni, oltre a essere una lettura decisamente piacevole (non a caso inserita dalla Sellerio nella sua collana Il divano) e oltre a porsi come un’appassionante storia d’amore contiene infatti anche una descrizione mirabile del mondo teatrale italiano dei primi 20 anni dell’800 visto dagli occhi dell’autore francese. La storia d’amore è quella tra la Massimilla Doni del titolo, sublime figura femminile dedita alle arti, e il principe di Varese Emilio Memmi, bellissimo ma squattrinato. Steso al ritorno dal suo viaggio in Italia del 1837 (ed edito nel 1839), il racconto è un grande atto d’amore alla città di Venezia e al mondo dell’opera italiana, immaginando una rappresentazione del Mosè in Egitto alla Fenice avvenuta nel 1820: al di là di occasionali imprecisioni (come i riferimenti alla rossiniana Semiramide, non ancora composta nell’anno in cui si ambienta la vicenda, o qualche errore nell’indicare le tonalità dei vari numeri del Mosè in Egitto) il racconto riesce a far comprendere al lettore odierno lo spirito con cui l’opera italiana veniva accolta dal pubblico dell’epoca, sottolineando isterie e fanatismi dei divi (il soprano Clara Tinti – evidente omaggio di Balzac alla divina Laure Cinti Damoreau – e il tenore Genovese, oltre al basso Giovanni Orazio Cartagenova, l’unico realmente esistito nell’immaginaria compagnia veneziana che allestisce il capolavoro rossiniano nella trama di Balzac) e descrivendo con delicatezza l’atmosfera decadente della Venezia ottocentesca che fa da sfondo all’amore di Massimilla ed Emilio. Quest’ultimo, sospeso tra l’estasi spirituale che lo lega a Massimilla (moglie del duca di Caetano) e l’attrazione carnale nei confronti della primadonna Clara Tinti (protegèe del duca stesso), pone questo dissidio tra spirito e materia al centro della propria vicenda sentimentale; il preciso e dettagliato commento del Mosè in Egitto (che Balzac stese con l’ausilio tecnico di Georg Jacob Strunz, cui è peraltro rivolto un pubblico ringraziamento d’apertura) costituisce per molti aspetti il culmine della narrazione amorosa.

Prima del finale avviene quindi la lunga descrizione del capolavoro rossiniano per bocca della Doni in pagine di toccante ispirazione, in grado di emozionare anche il melomane più refrattario allorché Massimilla si entusiasma cupamente, assieme al delirante pubblico veneziano, per l’esecuzione della celebre preghiera “Dal tuo stellato soglio”. L’edizione Sellerio si avvale di un notevole apparato di note (a cura del traduttore Giandonato Crico) in cui imprecisioni musicali balzachiane (molto poche, a onor del vero) e i numerosi riferimenti alla vita teatrale del XIX secolo sono sviscerati con cura e precisione ma senza pedanterie inutili. Nel complesso un libro che ogni melomane appassionato della storia musicale del XIX secolo non mancherà di apprezzare.

Note dell’editore

Massimilla Doni – storia d’amore di ambientazione italiana, veneziana in particolare – ha una genesi lunga e complessa. Balzac vi attende dal suo ritorno dal viaggio in Italia, nel maggio del 1837, avendo assorbito soprattutto stili di vita, di conversazione, abitudini mondane; e nello stesso anno ne stende una versione. Nel 1839 compare la novella completa che infine troverà collocazione definitiva nel 1846 tra gli Etudes philosophiques (XV volume dell’edizione Furne della Comédie Humaine) che Balzac dedica al tema del trionfo del pensiero sulla materia.

Clicca sul banner per leggere tutti gli articoli della rubrica “Letteratura – Libri e Opera Lirica”:

Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 2.5 Italia License.

, , , ,

  1. #1 di icittadiniprimaditutto il 20 giugno 2012 - 11:30

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

Vuoi commentare questo post?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: