TuttoVerdi – Oberto, Conte di San Bonifacio

ObertoDVD_FrontCover1Primo volume del monumentale progetto TuttoVerdi della CMajor, il dvd in questione riproduce la registrazione delle recite di Oberto, Conte di San Bonifacio andate in scena nell’ottobre 2007 al Teatro Verdi di Busseto, nell’ambito del Festival Verdi 2007 organizzato dal Teatro Regio di Parma. Lo spettacolo di Pier’Alli venne presentato come nuovo allestimento, usando il termine nella sua accezione più pratica, dato che di fatto venne “nuovamente allestito” uno spettacolo la cui idea, però, era già vecchia, essendo nato al Teatro Lauro Rossi di Macerata nell’estate del 1999. Lo spettacolo è comunque gradevole (meno gradevole che al Lauro Rossi, però) e nonostante le dimensioni lillipuziane del palcoscenico bussetano si lascia guardare con un certo interesse: non dirò che questa sorta di riflessione scenica sul concetto di gesto ottocentesco, che fa immobilizzare gli artisti in pose da tableau vivant del XIX secolo, sia la scelta migliore per rivelare le potenzialità di un’opera che si gioverebbe meglio di una condotta drammaturgica più bruciante, ma le immagini non sono prive di una loro sobria eleganza. L’esecuzione musicale è sostanzialmente corretta, ma le debolezze di un’opera prima (quale è senza dubbio Oberto) necessiterebbero di personalità vocali ed espressive più decise: ricordo che dal vivo la trionfatrice della serata fu Mariana Pentcheva, una Cuniza di discreto spicco che si riconferma tale anche nel dvd, mentre più debole mi sembrò il protagonista Giovanni Battista Parodi, soprattutto per colpa di un’emissione piuttosto dura, che si riconferma alla visione del dvd. Fabio Sartori, interprete dell’opera anche a Macerata nel 1999 e in questi giorni alla Scala, è uno specialista della parte di Riccardo e ne esce abbastanza bene, sia pur con alcune durezze in acuto, mentre Francesca Sassu è una Leonora dimessa e poco adatta alla parte: l’artista è interessante e la voce notevole, ma dal vivo la stanchezza si sentiva crescere scena per scena (la grande espansione “Ah, Riccardo se a misera amante”, inoltre, avrebbe bisogno di ben altra forza per risultare trascinante e commovente come il momento scenico prevede) e anche nel dvd il grande finale non emerge come dovrebbe. La direzione di Antonello Allemandi è abbastanza serrata e vivace ed esegue l’opera integralmente. Le riprese video di Tiziano Mancini, così come in tutti gli altri volumi della serie, sono professionali e di ottimo livello: nel caso in questione organizzano la narrazione in maniera fluida e scorrevole, rispettando la drammaturgia e la logica dell’allestimento, che non esce sacrificato dal filtro del video. Al termine della visione, tuttavia, resta l’impressione che Oberto ancora attenda una realizzazione video in grado di porsi come elemento di eccellenza.

(2 – continua)

Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 2.5 Italia License.

, , ,

  1. Lascia un commento

Vuoi commentare questo post?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

  • %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: