Articoli con tag Segnalazioni

Conversazioni sul teatro in Musica

Segnalo a tutti coloro che fossero nei paraggi e ne avessero voglia che mercoledì 25 febbraio alle 18.30, presso la Facoltà di Economia “Giorgio Fuà” di Ancona (ex Caserma Villarey – Piazzale Martelli) si terrà la prima di cinque Conversazioni sul Teatro in Musica che il sottoscritto terrà sul mondo dell’opera lirica. Il ciclo di incontri, che si chiuderà il 22 aprile, è organizzato dagli Amici del Teatro – Fondazione Teatro delle Muse e dal Lions Club – Ancona Host con il patrocinio dell’Università Politecnica delle Marche. Il primo incontro, intitolato Furore e Delirio – Crisi emotive all’ombra dei lumi, è dedicato al mondo dell’opera del ‘700. Qui si può trovare il programma completo degli incontri e qui è scaricabile la locandina in pdf dell’evento.

Modello1

, , ,

Lascia un commento

Männerarten

coverApprofitto di questo (ennesimo) momento di (forzato) stop per segnalare almeno una bella pubblicazione e-book di fresco data fuori: Männerarten. La prassi esecutiva del Ring nella Neu-Bayreuth (1951-1975) di Davide Bartolucci. Si tratta di una segnalazione che ritengo doverosa per tanti motivi: Davide è un caro amico e una penna molto piacevole; l’argomento è estremamente interessante e godibile anche per chi (come me) non è esattamente un wagneriano di provata e secura fede; la casa editrice è la Piccoli Giganti Edizioni per cui a breve uscirà una mia fatica dedicata all’immortale Lucia di Lammermoor (ed ecco il perché del forzato stop del blog, se mi dedico al blog non mi dedico a Lucia… e Lucia al momento ha la priorità); la splendida foto di copertina, inoltre, è di Lucia T Sepúlveda, che i lettori del blog conoscono assai bene. 🙂 Insomma che aspettate?

,

1 Commento

Verso Antigone

Segnalo a tutti che domani sera, al Teatro Lauro Rossi di Macerata, andrà in scena nell’ambito del Mercoledì Mania, all’interno del Festival Off del Programma 2014 della 50° Stagione Lirica dell’Arena Sferisterio di Macerata, lo spettacolo Verso Antigone, serata in ricordo del compositore maceratese Lino LIviabella nel 50° anniversario della morte. L’evento, a cura del sottoscritto, vede la partecipazione di Maria Pilar Perez Aspa, Lorenzo Bavaj, Flavia Votino, Chiara Malvestiti, Michele Ciopettini e del quartetto d’archi dell’Orchestra giovanile marchigiana ed è anche a ingresso gratuito, per cui accorrete numerosi!

AntigoneIn città è anche possibile visitare la mostra diffusa #Sferisterio50/Esercizi di memoria: Macerata, l’opera, l’estate: visto che anche questa è a ingresso gratuito intervenite numerosi.

, , , ,

Lascia un commento

Dionilla – il Ritorno! (Cingoli – 31 maggio 2014)

Lo so che è un po’ tardi ma lo segnalo lo stesso. Accorrete numerosi al Circolo Cittadino di Cingoli (Mc)!! Anche perché l’ingresso è gratuito! 🙂

front  bis

,

Lascia un commento

Tito l’Illuminato – Jesi, 30 maggio 2014

La Clemenza di Tito

, ,

Lascia un commento

Un musicista jesino riscoperto

PaggiSegnalo un bell’evento che si è tenuto domenica scorsa presso il Palazzo Baldeschi Balleani di Jesi, nell’ambito della Stagione 2013/14 della rassegna Concerti a Palazzo organizzata dalla Fondazione Lanari. La serata Benvenuti in casa Paggi – La riscoperta di un “divo” jesino osannato nel mondo ha permesso di riscoprire musiche dello jesino Giovanni Paggi con il soprano Rosita Tassi, il baritono Davide Bartolucci, il pianista Andrea Zepponi. Mi spiace non  aver potuto assistere a un evento che si annunciava estremamente interessante e particolare: per chi si chiedesse, giustamente peraltro, chi sia questo Carneade – Paggi, copio e incollo da internet (a cura dell’organizzatore Gianni Gualdoni) maggiori informazioni su questo sconosciuto divo del XIX secolo.

Il musicista jesino Giovanni Paggi –vissuto tra il 1806 e il 1887- è oggi pressoché sconosciuto a tutti: non solo all’uomo della strada, ma anche al più attento appassionato di musica e perfino a gran parte degli stessi professionisti della musicologia. Il nome di Paggi non appare nell’importante “Dizionario della musica e dei musicisti” della UTET, né in “The New Grove Dictionary of music and musicians”.
È stato un grande concertista, un autentico “virtuoso” dell’oboe, conteso per decenni da istituzioni musicali e salotti privati di mezzo mondo. Uno strumentista d’eccezione, ma anche un abilissimo compositore, apprezzato per una raffinatezza di scrittura che unisce solido mestiere e grande eleganza.
L’appuntamento a Palazzo Baldeschi Balleani di Jesi domenica 13 aprile, dal titolo significativo “Benvenuti in Casa Paggi”, ha riproposto l’atmosfera intima e rarefatta dei salotti privati dell’alta società dell’epoca, offrendo in prima esecuzione moderna partiture originali del Maestro scritte per canto e pianoforte proprio per quel tipo di ambienti internazionali.

Leggi il seguito di questo post »

, , , ,

Lascia un commento

Segnalazione donizettiana

donizetti_spatolatoSegnalo a chiunque fosse interessato e/o nei paraggi che domenica 26 gennaio 2014 terrò la conferenza di Guida all’Opera per L’elisir d’amore di Gaetano Donizetti, titolo inaugurale della Stagione Lirica 2013 / 2014 del Teatro delle Muse di Ancona. L’incontro è previsto al Ridotto del Teatro delle Muse dalle ore 11 e, in occasione della Guida all’Opera, dovrebbe anche essere disponibile il programma di sala dello spettacolo con un mio scritto di presentazione. Visto che l’ingresso alla Guida all’Opera è gratuito, se vorrete intervenire e presenziare sarete ovviamente i benvenuti. L’elisir d’amore sarà in scena al Teatro delle Muse venerdì 31 gennaio alle ore 20.30 e domenica 2 febbraio alle ore 16.00; direttore d’orchestra Jader Bignamini. regia e luci Arnaud Bernard, in scena Serena Gamberoni, Francesco Meli, Alexey Bogdanchikov e Bruno Praticò.

, , ,

Lascia un commento

Una “nuova” Biblioteca musicale

Ancona PanoramaOgni tanto arrivano delle buone notizie in un’Italia che, a volte, mi sembra aver allegramente dimenticato quanti e quale possibilità (anche, se non soprattutto, economiche) sarebbe in grado di poter cogliere dalla sua storia culturale, artistica e musicale: è stata, infatti, ufficialmente presentata al pubblico la donazione, stipulata a Camerano nel 2011, dell’Archivio Mancinforte Sperelli al Comune di Ancona. Si tratta di un cospicuo e  importante fondo archivistico e documentario curato nel corso di tutta la sua vita dal Marchese Giancarlo Mancinforte Serafini Sperelli di Camerano (1921-2006): al centro del fondo spicca un’impressionante serie di spartiti musicali (circa 1300) che riproducono l’interesse del Marchese, il quale amava rintracciare spartiti di lavori anche desueti per il solo piacere derivato dall’esecuzione pianistica personale. La qualità e la quantità delle opere presenti all’appello è impressionante e riproduce, di fatto, l’intera storia del teatro in musica, con una particolare attenzione ai capolavori della tradizione europea ottocentesca e primonovecentesca ma anche con una presenza cospicua di opere contemporanee, d’avanguardia nonché straniere: il marchese Giancarlo Mancinforte Serafini Sperelli era un uomo estremamente curioso e dagli interessi variegati, ma comunque paziente e tenace nella ricerca di musiche nuove da leggere e suonare, tanto che quando non riusciva a trovare sul mercato qualche spartito lo ricercava nelle biblioteche chiedendo e ottenendone una riproduzione fotostatica che veniva sempre accuratamente rilegata. Da segnalare nel fondo la presenza di spartiti di opere di area slava di rarissima esecuzione, come La sposa di Messina di Zdenek Fibich, Halka di Stanislaw Moniuszko o Hunyadi Làszlò di Ferenc Erkel, senza dimenticare la colossale Guerra e Pace di Prokofiev, oltre a rarissime partiture originali a stampa del Settecento (Iphigénie en Tauride di Nicolò Piccinni, Oedipe à Colone di Antonio Sacchini, Artaxerxes di Thomas Arne e altri ancora). In aggiunta all’impressionante numero di spartiti pianistici andranno anche segnalati la poderosa collezione di libretti (120 rari, relativi prevalentemente a rappresentazioni marchigiane dei secc. XVIII e XIX, e altri 150 circa editi da Lucca, Ricordi e Sonzogno), miscellanee varie, molti dischi in 33 e 45 giri, oltre a volumi monografici ed enciclopedie specialistiche. Al fondo musicale si aggiunge l’archivio di famiglia, consistente in 30 buste di documenti privati dei secc. XVII-XIX.

Leggi il seguito di questo post »

,

Lascia un commento

Viva Verdi – Riccardo Chailly

chaillyIn edicola è disponibile una delle ultime fatiche di Riccardo Chailly alla guida della Filarmonica della Scala: l’album Viva Verdi – Ouverture & Preludi che la scorsa primavera era uscito in tutti i negozi di dischi per la Decca ed ora è acquistabile a un prezzo decisamente inferiore in abbinamento a La Repubblica e L’Espresso. La scaletta del disco prevede le esecuzioni di Ouverture e Preludi da I vespri siciliani, Alzira, La traviata, Il Corsaro, Nabucco, Giovanna d’Arco, Aida, Macbeth e La forza del destino oltre ai balletti da Jérusalem, rifacimento francese de I lombardi alla prima crociata. L’esecuzione è ovviamente eccellente e l’ascolto del disco si rivela un’esperienza addirittura esaltante, anche perché la registrazione è di notevolissima chiarezza. Tuttavia l’ascolto di alcune tra le pagine sinfoniche meno interessanti del primo Verdi, contenute nel cd, mi spinge a chiedere cosa abbia Verdi in più rispetto a molti suoi contemporanei: la Sinfonia di Nabucco è indubbiamente trascinante ed esplosiva, ma (anche prescindendo dalla rozza gestione della coda, con il tema del “Maledetto” che ricompare creando enormi grattacapi a direttori e interpreti) l’Ouverture della donizettiana Maria di Rohan è molto più raffinata e interessante… eppure fior fior di interpreti hanno inciso in studio la Sinfonia di Nabucco e nessuno credo si sia mai preso nemmeno la briga di sfogliare quella della Rohan. Con questo non voglio denigrare certo Nabucco, che trovo un’opera esplosiva e coinvolgente, ma a volte ho come l’impressione che su molti autori del Primo Ottocento aleggi un vero e proprio pregiudizio, in particolare su Donizetti. Vabbé, non c’entra nulla, quindi la finisco qui, e buon ascolto del cd di Chailly.

Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 2.5 Italia License.

, , , , ,

Lascia un commento

Macerata Opera Festival – Mercoledì Mania 7 agosto

DIONILLA_JPG

, ,

Lascia un commento

  • <span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: